Ghiro sardo

Ghiro-Sardo
Origine zoogeografica:
Paleartica
Areale di distribuzione:
Il ghiro è una specie ad areale eurasiatico e tra le specie di Gliridi, è la prima ad essere entrata a far parte della fauna italiana nel corso del Pleistocene. E’ presente in Sardegna con la sottospecie Myoxus glis melonii(Thomas, 1907), probabilmente introdotta dai romani, principalmente nel Supramonte di Orgosolo e di Dorgali.
Identificazione:
La pelliccia è formata da uno strato uniforme di colore grigio argenteo sul dorso mentre la parte ventrale è bianco giallastra. Le orecchie non sono molto grandi, gli occhi sono grandi e sporgenti, circondati da una chiazza scura; la coda è folta e lunga dagli 11 ai 16 cm, uguaglia all’incirca la lunghezza testa-tronco (13-21 cm). La varietà sarda risulta leggermente più grande della varietà europea.
Habitat:
Specie di abitudini gregarie, vive in gruppi familiari in genere molto numerosi; abita soprattutto i boschi misti di latifoglie, fino ad un’altitudine di 1000 m, e negli ambienti boschivi frequenta soffitte, sottotetti, legnaie. Molto agile e di abitudini arboricole, è una specie notturna e durante il giorno si ritira nel nido. Quest’ultimo, presenta sempre più ingressi e viene costruito con erba, legnetti e rivestito con materiale soffice e morbido. Talvolta utilizza nidi abbandonati dagli uccelli o buchi degli alberi cavi. Il ghiro si nutre durante le ore notturne, privilegiando la frutta, le ghiande, le noci, germogli, insetti, lumache; solo una piccola parte della sua dieta è di origine animale. E’ capace di saltare da un ramo all’altro grazie ai piccoli e solidi artigli e alla coda utilizzata come strumento d’equilibrio e di sostegno. Sverna anche sottoterra, nei nidi “invernali”, alla profondità di circa 60 cm, accumulando prima di tale periodo una notevole riserva di grasso, che gli consente di superare il periodo di letargo, peraltro discontinuo nelle isole mediterranee.
Riproduzione:
Come il quercino, diviene sessualmente maturo a un anno di età e vive fino ai 5 -7 anni di età. Il periodo riproduttivo, nelle isole, si estende da maggio ad ottobre; la femmina partorisce una sola volta all’anno da 2 a 7 piccoli, dopo una gestazione di circa 30giorni. I piccoli vengono allattati per 4 settimane e diventano indipendenti già a due mesi. Gli accoppiamenti hanno luogo principalmente a luglio.
Status di conservazione:
Vulnerabile a livello nazionale e regionale, rara a livello locale.
Fattori di minaccia:
La specie è rara e confinata in zone poco accessibili, ma ristrette. Le modificazioni degli ambienti boschivi, i tagli e gli incendi sono responsabili della riduzione del suo habitat.
Grado di protezione:
Convenzione di Berna, All.III, Legge Regionale 29 luglio 1998, n° 23.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Myoxus glis melonii
Nome sardo:
Ghiru, sorigàrgia, can’e serra
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:
Approfondimenti

Potrebbe interessarti anche:

  • La sua apertura alare va dai 39 ai 48 millimetri. La femmina è leggermente più piccola del maschio. Ha ali bianche con una macchia nera e apice nero nelle femmine, mentre nei...
  • Il corpo è lungo 17-24 millimetri e ha una colorazione giallastra con delle macchie longitudinali scure sulle elitre. Le zampe sono relativamente lunghe e sottili, gli occhi sono...
  • Ha un’apertura alare di circa 19-24 millimetri. Le ali anteriori sono di colore bruno-arancio, con una macchia nera (ocello) contornata di arancio. Nelle ali posteriori si trovano...
  • È una farfalla di piccole dimensioni, con un’apertura alare di circa 36-40 millimetri. Ha le ali arancioni striate di marron scuro, con un ocello nero su quelle superiori e due...
  • La principale caratteristica di questa specie, come di tutti i Lucanidi, sono le grandi mandibole del maschio, possenti e ricurve. Il corpo è allungato e leggermente appiattito,...
  • Ha un’apertura alare di circa 45-55 millimetri. L’aspetto è elegante, con vistose macchie rettangolari bianche sulle ali nere e piccole macchie blu marginali. Maschi e femmine...
  • La popolazione nidificante italiana si è estinta dopo la metà del XX secolo (specie in Sardegna, dove si contavano - all’inizio del 1900 - qualche decina di coppie, insediate...
    Apertura alare 200-240 cm. E’ una grande aquila tozza e pesante. Ali molto grandi, larghe e rettangolari. La grossa testa che sporge notevolmente dal corpo rappresenta un...
  • La sua apertura alare è variabile da 55 a 60 millimetri e l’intera superficie delle ali è di colore rosso. Negli angoli si trovano quattro macchie a forma di occhio dette “ocelli...
  • Simile a L. michahellis ma generalmente più piccolo, zampe leggermente più corte, collo più stretto, ali più corte. Sessi simili. Piumaggio simile nel complesso a L. michahellis...
  • L’ape è un insetto caratterizzato da un corpo articolato in tre parti: capo, torace e addome; ha uno esoscheletro protettivo, possiede 6 zampe attaccate al torace e presenta...
  • Apertura alare 175-195 cm. Corpo snello, ali lunghe e moderatamente larghe. La coda lunga e forcuta permette una facile identificazione in volo. Sessi simili. Testa e nuca chiare...
  • Il Cervo sardo-corso, è il più grande mammifero selvatico presente in Sardegna, costituisce la sottospecie endemica sardo-corsa del Cervo europeo ( Cervus elaphus Linnaeus , 1758).
    Il cervo sardo si distingue dalla specie nominale europea per alcuni caratteri morfologici come adattamento alle condizioni di insularità. Le dimensioni del corpo sono inferiori...