Argiope (ragno vespa)

Argiope (foto Cristian Mascia)

Il ragno vespa (Argiope fasciata) è una specie abbastanza comune, chiamato così per la colorazione dell'addome giallo e nera che lo rende simile alle vespe.  Viene anche chiamato comunemente "ragno tigre" per lo stesso motivo.

Si presenta come un grosso ragno (le femmine molto più grandi dei maschi) screziato di giallo, bianco e nero, tipicamente osservabile quando sta immobile al centro di una magnifica tela, come una piccola tigre in agguato. 

Diffuso in tutta Europa, soprattutto nelle regioni più calde, dove costruisce la sua tela (che raggiunge spesso diametri considerevoli, oltre 30 cm) all'altezza di circa 30-40 cm dal suolo, tra le siepi o nei prati erbosi, dove la vegetazione è più alta e soleggiata.

Una  particolarità dei ragni del genere Argiope (non solo questa specie) è la presenza sulla ragnatela di una struttura particolare, quasi un ricamo, spesso a zig-zag, nota come stabilimentum.
La seta che compone lo stabilimentum ha una composizione diversa dal resto della tela. In questa specie, poi, lo stabilimentum è verticale, ed è ben visibile nell'ampia disposizione tessile.

Le femmine sono molto grandi, arrivando a misurare fino a 15 mm di lunghezza e presentano un addome globoso.  Il maschio è molto più piccolo e presenta una colorazione uniforme e meno colorata e poco appariscente.  

Quando cattura una preda l'avvolge con una grande quantità di tela: le sue preferite sono cavallette e grilli.

Extra

Il ragno vespa non è aggressivo: mette in atto una strategia difensiva molto particolare, rimanendo al centro della tela, le imprime un movimento oscillatorio molto rapido, per circa mezzo minuto. Se questa tattica dissuasiva non ha effetto, sceglie la fuga pur rimanendo nelle vicinanze della sua ragnatela sinchè non si sente al sicuro.
Come quasi tutti i ragni, posseggono ghiandole velenifere, quasi innocue per l’uomo ma utili per predare insetti ed immobilizzarli anche se sono molto più grandi del ragnoIn caso di eventuale morso, gli effetti del veleno sono tipicamente blandi: provoca un dolore causato dall'azione meccanica dei cheliceri, con arrossamento della parte interessata. 

Identificazione:
Il nome deriva dal greco: argós che significa lucente. Lucente è il suo addome (è argenteo e bianco) con tante macchie rosse e bianche. Le zampe sono lunghe con chiazze scure e chiare.
Habitat:
Questa specie di ragno è diffusa in gran parte d'Europa, in Nord Africa e Asia. Vive in quasi tutti gli habitat: fondamentale è lo spazio adeguato per la costruzione della sua ampia tela. Predilige posizionare le ragnatele su arbusti o larghe foglie.
Curiosità:
Comunemente chiamato ragno tigre, epeira fasciata, ragno zebra o Argiope fasciata, in alternativa a "ragno vespa". Nell'accoppiamento quasi sempre le femmine uccidono i loro pretendenti maschi, a meno che questi non riescano a fuggire. Molte sono le ipotesi nate sul significato del zig-zag (stabilimentum) della sua ragnatela, che la rende visibile anche a distanza: non vi è una teoria validata ma alcuni affermano che possa rendere la tela più stabile, oppure che rifletterebbe la luce in maniera tale da attirare eventuali prede volanti, oppure ancora servirebbe a rendere visibile la tela agli uccelli, in modo che possano evitarla in volo evitando di distruggerla involontariamente...
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Argiope bruennichi
Nome sardo:
Papparrangiu
Classe:
Famiglia:
Fauna:
Approfondimenti

Contenuti correlati

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Il Cervo sardo-corso, è il più grande mammifero selvatico presente in Sardegna, costituisce la sottospecie endemica sardo-corsa del Cervo europeo ( Cervus elaphus Linnaeus , 1758).
    Il cervo sardo si distingue dalla specie nominale europea per alcuni caratteri morfologici come adattamento alle condizioni di insularità. Le dimensioni del corpo sono inferiori...
  • Il corpo è stretto e allungato, e misura 13-17 millimetri. Le zampe anteriori sono adattate alla cattura delle prede. Le altre 4 zampe, molto lunghe, sono utilizzate per scivolare...
  • Gli adulti possono raggiungere i 30 cm di lunghezza, anche se le dimensioni sono solitamente minori, la coda rappresenta quasi la metà della lunghezza totale. Si tratta di uno...
  • È una farfalla di piccole dimensioni, con un’apertura alare di circa 37-40 millimetri. Le ali hanno un colore rosso arancio, il bordo anteriore di quelle superiori è tigrato,...
  • La Tiliguerta può raggiungere i 24 cm di lunghezza inclusa la coda, di solito i maschi hanno dimensioni superiori.. Si tratta di una lucertola dal corpo piccolo e non appiattito,...
  • Il Muflone è sicuramente tra gli animali più rappresentativi dell’Isola, perlomeno per gli ambienti montani. Fu introdotto nell’Italia continentale e in Europa, in cui peraltro si...
    Ha un’aspetto compatto e robusto, con tronco e arti muscolosi, occhi grandi e orecchie brevi, piuttosto simile ad una pecora domestica ma con forme più slanciate,...
  • Più piccolo e chiaro della specie nominale, ha una lunghezza totale di circa 38-53 cm, le zampe posteriori lunghe, una colorazione della pelliccia prevalentemente grigia,...
  • È una farfalla di piccole dimensioni, con un’apertura alare di circa 30-45 millimetri, dal colore marrone e arancio, con una macchia scura (ocello) vicino all’apice anteriore. La...
  • È una farfalla di piccole-medie dimensioni, raggiunge un’apertura alare di 34-44 millimetri. Ha le ali di color marrone, punteggiate da macchie giallo-arancioni. Le ali anteriori...
  • È una farfalla piuttosto piccola, con un’apertura alare di 25-35 millimetri. Il maschio ha le ali di un bel blu scuro/viola, che nella femmina è limitato a un piccolo disegno...
  • Lungo 19 cm. Facilmente riconoscibile per la sua struttura possente, le grandi dimensioni, il becco giallo e robusto. Presenza ai lati del collo di una banda larga e nera. Il...